sabato 22 giugno 2013

Lega Nord, quale futuro?

Allo stato attuale la Lega Nord soffre un problema di reputazione dopo i problemi (da quelli vere a quelli montati dai mass media) dell'anno passato.

Tante le opinioni su come affrontare questa situazione e spesso si parla di "ritorno alle origini" o "stare al passo con i tempi", cose parzialmente vere ma non risolutive.

Personalmente ritengo che bisogna ri-partire con uno spirito nuovo e più marcato.
Prendiamo i lati positivi della Lega Nord con la purezza e sincerità che ci ha sempre contraddistinti ma con una maturità che promuova con forza il PROGETTO DI MIGLIO.

Un progetto in cui la Padania non è un luogo in cui convogliare il nazionalismo italiano in una forma analoga, ma un luogo REALE con il suo motivo d'esistere e che vada oltre gli attuali concetti di Stato e Confini.
Un concetto innovativo che forse oggi non verrà compreso ma tra 50-100 anni sarà la base perché l'Europa resti una regione evoluta del mondo e la regione padana, italiana, catalana, spagnola, tedesca e così via compartecipino con un mix intelligente di collaborazione e indipendenza verso il miglioramento dei servizi al cittadino e verso i rapporti internazionali.

Questo è il progetto di Miglio e della Lega Nord in cui la Padania non è l'obiettivo ultimo, ma la base dello sviluppo Europeo.