mercoledì 26 giugno 2013

Il Governo letta e il razzismo verso i giovani del nord


Il governo Letta, su 1,3 miliardi di euro per incentivare la crescita economica, decide di stanziarne 1 miliardo per il Sud. (fonte Corriere.it):

da corriere.it:
"Il governo ha messo sul piatto 794 milioni per la stabilizzazione degli under 30. Così come annunciato, le risorse andranno per lo più alle Regioni del Sud"
"Oltre a «ulteriori misure nei territori del Sud»: 80 milioni di rifinanziamento delle misure per l’autoimpiego e autoimprenditorialità, 80 milioni di rifinanziamento del Piano di Azione e Coesione, 168 milioni di finanziamento per borse di tirocinio formativo a favore di giovani che non lavorano, non studiano e non partecipano ad attività di formazione."


da leganord.org:
“Ieri Letta ha mentito rispondendo in Aula che i giovani disoccupati del Nord non sarebbero stati messi in secondo piano.
Il via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge per il rilancio dell'occupazione mette nero su bianco che sarà, come sempre, il mezzogiorno a garantirsi il triplo delle risorse rispetto a tutto il resto del Paese.

È inaccettabile che il Nord, che ha mantenuto e continua a mantenere l’Italia intera, sia abbandonato a se stesso e al suo destino.
Siamo di fronte all’ennesimo e vergognoso schiaffo al Nord e a tutti i cittadini del settentrione che non trovano lavoro.
Mi domando come i colleghi della maggioranza eletti al Nord possano accettare scelte di questo tipo da parte del Governo ma soprattutto mi chiedo che quale coraggio riusciranno a guardare in faccia, da oggi in poi, i giovani del settentrione che vivono quotidianamente sulla propria pelle il dramma della disoccupazione”.


 Lo dichiara Massimiliano Fedriga, capogruppo in Commissione Lavoro per la Lega Nord, commentando la notizia del via libera del Consiglio dei ministri al decreto legge per il rilancio dell'occupazione.